Il Gaggio

Cosa ghe s’è il gaggio ?

Gaggio è chi magna la merda convinto che è formaggio!

(cit.)

Annunci

Lascia? No, Raddoppia

45° giornata - Le Pagelle dei Ragazzi

45° Giornata - Classifiche

Con il conforto della matematica a una giornata dalla fine si sanciscono i primi verdetti:

Armando vince la classifica generale (+4 su Nave) per il secondo anno di fila. La miglior risposta a chi lo vuole lasciare a casa. Dopo aver già vinto con merito la classifica MVP, il premio al miglior giocatore di giornata, si appresta a fare man bassa di successi: la sfida più affascinante è quella per il titolo di Capocannoniere, già sua l’anno scorso, ma che vede proprio oggi il controsorpasso del nipote Stefano. 65 reti contro 64, ultimo match decisivo per l’assegnazione tutta in famiglia. Per il podio se la giocano Ros 39, Darko 38, Nave e Mimmo 35. Armando primo anche per vittorie, ben 15 con Nave 14 a insidiare e sul podio Darko e Alex con 13. Peter, al secondo mvp oggi, rientra in classifica, con la miglior media voto (6.769) davanti a Ros (6.727) e Tafaz (6.684), e con la seconda media punti 1.769 insieme a Briccola e dietro al solo Tafaz (1.895). Ultima giornata però decisiva per la decisione suol quorum delle partite da giocare per entrare in classifica. Possibile taglio a 19-20 partite. Un punto di fairplay per Peter, oggi davvero incontenibile, anche nel post serata con una animata discussione da bar sugli affari di calciopoli e la velata diatriba juvintini interisti.

Prossimo match a chiusura della stagione 2010-2011, con ben 46 partite in 11 mesi.

Ad agosto online tutte le classifiche.

 

Spunti di osservazione

Ogni spazio è una potenziale essenza di gioco, li devi creare qualcosa, se tutti creano movimento e quindi spazio dove inserirsi senza palla ci sono più possibilità di creare l’azione offensiva cercando la soluzione più semplice. Le doti tecniche di un calciatore sono fondamentali per saltare l’uomo. Fondamentali sono anche le tecniche di difesa, la posizione e la rapidità nell’anticipo, senza le quali non si vincono le partite. Per inquadrare la porta è necessaria prontezza e freschezza atletica nei movimenti, più è fluida e veloce è la manovra più è difficile contrastare il gioco per gli avversari che devono chiudersi velocemente e ripartire. Se l’assetto difensivo non fosse adeguato, il campo aperto è un occasione da non perdere. Prontezza nelle decisioni da pre dere, e freddezza. Giocare per vincere significa concentrarsi per essere precisi su ogni dettaglio. L’1 contro 1 è la base della giocata, L’1-2 è la base di un gioco, la palla deve girare fino al punto esatto per il compagno, non sotto, non lunga, il 3 contro 1 é una base per un gol da non sbagliare.  Lealtà sportiva non sarebbe mai male, ma il campo insegna diversamente   Spesso e malvolentieri. In campo parla la palla Signori ma ognuno gioca a modo suo, la guarda a modo suo e la vive dentro di se la propria partita e quella degli altri. E non sarà mai uguale a nessun’altra, nessuno farà il tifo per te perché la pensi diversamente, e la rabbia paga solo davanti alla porta amico. E, dopo L’ultima azione lascia tutte le emozioni del campo al campo. 
Giustamente disse…
Il calcio è la cosa più importante delle cose meno importanti…ottimo spunto di osservazione…

5 di qua 5 di la

44° Giornata - Le pagelle dei Ragazzi

44° Giornata - Classifiche

Ritorno alla Pinetina dopo la pesante eliminazione dal torneo Pagani per la compagine multietnica luratese della Raviolfresc. Dopo l’infortunio della “stella” Tabo in seguito una lesione della retina che lo costringe al forfait, e dopo una splendida vittoria nel secondo match che garantisce il passaggio ai quarti, i nostri non riescono più a vincere, anzi continuano a perdere con delle sonore cinquine, l’ultima delle quali ingloriosamente ai quarti con un punteggio secco di 5-0 tirando praticamente solo 1 volta in porta.

Sconfitti con merito dai giovani di Vita & Costruzioni, primi del loro girone, la Raviolfresc non ha saputo organizzare quel gioco di squadra che l’ aveva contraddistinta solo per il secondo match. Un Tafaz imballato e a fine contratto che non vuole firmare il rinnovo, un Antonio che dopo la scappatella al mare ha ancora la testa in Versilia, un Tiz poco concreto, un Nave e un Botta troppo sotto il livello della competizione, un Ros al 20% del suo potenziale. Neanche l’esperienza di Coira e l’innesto di Sartori hanno smosso il team per proporre un livello di gioco accettabile, subendo costantemente l’iniziativa dei forti e giovani avversari. Dubbi sulla partecipazione al prossimo anno legati soprattutto al portiere, senza il quale non è pensabile passare il turno, che verranno fugati solo dopo un lungo scouting, oltre al consueto pressing sul Cà Franca ( proprietaria del cartellino di Tafaz) per convincerlo.

Al ritorno in Pinetina situazione grosso modo definita, con Armando che comanda la classifica a 54 punti tallonato da Nave a 53, e Alex che sorpassa il duo Mimmo (45) Darko (44)  ma resta lontano a 47 punti. Stefano resta a contatto di questo gruppetto “Zona Uefa” a 43 punti, più lontani Ros e gli altri. In coda resistono Luca e Briccola, con Peter in odore di rientro.

Tra i marcatori serrata lotta per il titolo in famiglia tra Armando (63 reti) e Stefano (60), molto lontani Darko (37) Ros (36) e Mimmo (35).

La partita non offre molti spunti, con Nave che arriva dopo e costringe a ritardare l’inizio di 20 minuti, poi però insieme ad Alex  riesce a contenere facilemente gli attacchi avversari e fa ripartire in contropiede i suoi. Bello il suo gol, con assist al bacio proprio di Alex. Peter e Nello cercano di sovvertire una sentenza già scritta, ma quando avanzano lasciano le retrovie scoperte per gli inserimenti di Mauro e Stefano. Darko e Mimmo non incidono, mentre Luca si fa vedere meno del solito. Armando parte discretamente in porta poi fuori spreca un 3 contro 1 clamoroso e sembra soffrire l’eccessiva afa e i moscerini, spettatori indefessi in questo scorcio di stagione. Squadre troppo squilibrate, sebbene nel primo quarto d’ora gli orange faticano a passare, ma è sufficiente Mauro su assist in esterno di Nave a dare il la all’ennesima cinquina di queste settimane. Il 2-1 di Peter non porta però grandi apprensioni perchè subito un pasticcio di Mimmo consente a Stefano di segnare, per poi riportare a distanza di sicurezza il punteggio. Un punto fairplay a Darko oggi, lui e Ros al comando di questa classifica con 5 punti.

OK Ragazzi insultato per la mancata Pizza Gratis, ciurma che dirotta i culi all’ ormai classico crotto, dove i procuratori di Finellinho e lo stesso giocatore è avvistato al tavolo dei Ragazzi per cercare di mettere le basi di una pre-convocazione per la prossima stagione.

Prossimo turno con almeno 4 incognite per i convocati, possibile spazio a questi esperimenti.

Doppio 5 a 1. E ora…

43° Giornata - Le Pagelle dei Ragazzi

43° Giornata - Classifiche

E ora sarà decisivo il prossimo match. Sarà decisivo per i ragazzi della pinetina, dove Armando fa incetta di primati: Ritorna in vetta solitaria dopo 6 mesi, stacca l’insidioso nipote Stefano tra i cannonieri superando quota 60 gol, E’ ormai irraggiungibile quanto a MVP (8° in stagione) e resta terzo come media voti dietro solo a Ros e Tafaz. Terzo anche in media gol, dietro proprio a Stefano e Antonio. Decisivo il prossimo match anche per la Raviolfresc, che dopo il 5-1 subito dai Campioni in carica di Carrozzeria Spiga in formazione largamente rimaneggiata, perdono anche la quarta partita per 5-3 contro i Campari Red Passion. Terzo posto nel girone dunque, ma avversario sulla carta più abbordabile ai quarti. Sarà decisivo per Nave, che duellerà fino alla fine con Armando per il titolo della generale. E Per Stefano, che resta comunque a 4 gol dal primato di capocannoniere. O per Peter, se vuole rientrare nel rooster.

Mercoledì si saprà qualcosa di più, visto che l’ipotetica semifinale del torneo Pagani sarà proprio venerdì, il giorno dei Ragazzi.

E Renato, il mitico OK, è pronto per La Pizza di fine stagione. Il 29 Luglio si avvicina, i turni rimanenti sono solo 3.