Pollo…Valle…

“Polloooo…Valleeee”…risuonava un vocione profondo…altisonante…quasi severo…ma profondamente buono…con quel tono scherzoso e una risata fragorosa che contagiava tutti….quei due scattavano subito da quell’ uomo col pancione enorme….ricordo quelle manone aperte, le canne da pesca…e le bocce…anche qualche scappellotto… perché i suoi principi erano ben saldi…da uomo del sud…da uomo in divisa…da uomo di mare…un punto di riferimento per tutti noi…. Quante cose Non dimenticherò mai…la 127 bianca…il braccio di ferro…i trucchi della scopa…i baci della buonanotte…gli innesti alle piante…le sigarette…tutti i lavori di fatica…sempre tu…e quante mangiate…le grandi mangiate…di couscous….di pesce…mamma mia quanto pesce…il pesce “vero”…il migliore di tutti…perché eri una persona forte…davvero la più forte che io abbia mai conosciuto…non so come sia potuto succedere tutto così in fretta…quasi all’improvviso…anche se avevo capito che stavi invecchiando troppo velocemente …che non avevi più la forza che ti ha sempre sostenuto, mi avevi confidato di aver avuto paura…forse non ci ho dato troppo peso…perché sei sempre stato un highlander per me…mi hai insegnato a non arrendermi mai….e io mai mi sarei aspettato questa vita tolta quasi senza lottare…senza più forze…senza un motivo vero…addio Mastro Vicè…. 

Annunci